Progetto Pininos

  • S
  • A
  • a

Attività

    Pininos mira alla promozione del diritto all’istruzione e alla salute dei bambini coinvolti, che beneficiano delle attività previste dal progetto fino al completamento della scuola primaria (ovvero, con un percorso di studi regolare, fino all’età di 11-12 anni). Le attività, realizzate da uno staff di operatori locali, coinvolgono quattro aree di azione.

  • Area sanitaria: attività pediatriche seguite da un medico e da un infermiere locali (visite di controllo, aggiornamento schede sanitarie dei beneficiari, assistenza in caso di malattia, organizzazione di attività informative di prevenzione sanitaria e igiene ambientale per i bambini e per le madri). Inoltre sono previste la costituzione di un fondo per le emergenze (acquisto farmaci essenziali, ospedalizzazioni urgenti, analisi e visite specialistiche) e la realizzazione di campagne in ambito oculistico e odontoiatrico.

  • Area alimentare: fornitura di merende alle scuole e alimenti di base per i comedores infantiles (mense infantili) gestite dai Clubes de Madres. Nel caso dei comedores la nutrizionista del progetto predispone menù bilanciati basati su 5 pasti alla settimana per ogni bambino, in grado di coprire il 60% del fabbisogno calorico e proteico. Il costo di un pasto è per 2/3 a carico di Pininos e per 1/3 a carico delle madri, le quali provvedono anche, in forma di volontariato, alla preparazione delle pietanze.

  • Area educativa-formativa: supporto scolastico per il completamento del ciclo di studi primario, attraverso la distribuzione di kit di materiale didattico e la realizzazione di corsi di ripetizione e sostegno in collaborazione con insegnanti locali.

  • Area sociale: il progetto si occupa degli aspetti sociali dei beneficiari, per prevenire o migliorare quelle situazioni, derivanti dallo stato di estrema povertà, nelle quali i diritti fondamentali dei bambini vengono violati. Un assistente sociale effettua periodicamente un monitoraggio dello stato socio-ambientale delle famiglie coinvolte, seguendo i casi più gravi di disagio sociale e violenza familiare.