Ultime notizie

Danae, un'ingegnera per i piccoli contadini

Una nuova laurea per i ragazzi dei nostri progetti di sostegno a distanza: Danae Lizbeth Leon Arteaga si è laureata in Ingegneria Agricola all'Universidad Nacional de Trujillo e ora sogna di contribuire allo sviluppo di un'agricoltura sempre più efficiente.

Un meraviglioso pallottoliere in continuo aggiornamento. Neanche il tempo di archiviare le lauree di Leydin e Frank che è già ora di fare nuovamente festa per una nostra laureata. L’ennesima bella notizia arriva di nuovo dal Perù e la protagonista, ancora una volta, è una ragazza. Il 27 ottobre, all’Universidad Nacional de Trujillo, Danae Lizbeth Leon Arteaga si è laureata in Ingegneria Agricola. Laureata, tra l’altro, con lode, visto che Danae è risultata la migliore studentessa della sua sessione di laurea. “Sono colma di gioia - racconta Danae -, perché ho realizzato il più grande sogno che abbia portato nel cuore in vita mia. D’altronde, come mi ripete sempre mio padre, “non c’è nulla di più potente di ciò che si desidera con il cuore”. Questa frase vorrei lasciarla a tutti i bambini e i ragazzi dei progetti del Cesvitem: non lasciate che nulla o nessuno vi impedisca di raggiungere ciò che volete, ognuno di noi è responsabile del proprio futuro e della propria felicità”.

La storia di Danae è una fotocopia di quelle di Leydin e Frank, gli altri due laureati di questo 2017. Famiglia originaria della zona della Sierra ed emigrata nelle periferie di Trujillo in cerca di una vita migliore. L’ingresso da bambina nei progetti di sostegno a distanza del Cesvitem. La scalata passo dopo passo verso la laurea. Il sogno di contribuire allo sviluppo del proprio paese, partendo, nel caso di Danae, da un settore chiave come quello primario. “Ho scelto questo ambito di studio un po’ in onore delle radici rurali della mia famiglia, sia dalla parte di papà che da quella di mamma; un po’ perché rappresenta il presente e il futuro del Perù, uno dei paesi più fertili del mondo. L’agricoltura è un settore in continua evoluzione, bisognoso di risorse umane altamente qualificate che ne accompagnino lo sviluppo. Quello che mi piace della mia laurea è proprio l’estrema flessibilità, nel senso che in questi anni di studio ho acquisito un ampio spettro di competenze in grado di rispondere alle più diverse esigenze, sia delle grandi aziende agricole come dei piccoli contadini”.

Negli anni di università, in particolare, Danae ha approfondito il tema idrico, svolgendo il proprio tirocinio presso la sede di Trujillo di Netafim, impresa leader a livello mondiale nello studio e installazione di sistemi di irrigazione. “È stata un’esperienza estremamente stimolante, sia in ufficio che sul campo, che mi ha fatto capire che di studiare, in realtà, non si finisce mai. La tecnologia, in ambito rurale, è contrassegnata da un ciclo continuo di innovazioni e per essere buoni professionisti occorre essere costantemente aggiornati. L’acqua è una risorsa fondamentale: d’altronde basta vedere cosa è riuscito a fare nei dintorni di Trujillo il Chavimochic, l’enorme sistema d’irrigazione che ha reso coltivabili migliaia di ettari di deserto. È questa la sfida di cui mi piacerebbe essere protagonista con il mio lavoro: sviluppare un’agricoltura sempre più efficiente, in grado cioè di ottenere i migliori risultati con il minor consumo possibile di risorse. Il futuro del Perù, e oserei dire del mondo intero, passa per questa strada”.

Danae, quindi, non vuole fermarsi qui. “Adesso sogno di proseguire la mia formazione con un master, magari con un periodo di studio all’estero. Ma in ogni caso il mio futuro lo vedo nel mio Perù, tra la mia gente. Voglio lavorare a progetti per il rafforzamento dell’agricoltura di base, applicare le tecnologie più innovative anche su piccola scala per dare ai piccoli contadini la possibilità di migliorare in modo decisivo il loro lavoro e la loro produttività. Se riuscirò a raggiungere questo obiettivo, allora sì che sarò una donna realizzata”.

Notizia del 15/11/2017


Ultime notizie