Ultime notizie

Alima, il lieto fine si avvicina

Grande successo per l'appello a sostegno di Alima, studentessa mozambicana prossima alla laurea in Medicina: in poche settimane abbiamo raccolto i fondi per la copertura delle spese di questo anno accademico. Rilanciamo la sfida: copriamo anche le spese del prossimo anno, l'ultimo del suo percorso universitario.

Un paio di mesi fa avevamo raccontato la storia di Alima Fabula, la studentessa mozambicana che stiamo accompagnando verso la laurea in Medicina. Vi avevamo raccontato la sua storia, il suo sogno di specializzarsi in ginecologia, il timore di non farcela dopo che la famiglia italiana che l’aiutava aveva dovuto a malincuore interrompere il sostegno. Giocando con la traduzione dal portoghese del suo cognome, l’avevamo definita “una favola in attesa di lieto fine”. Bene, è bastato quell’appello perché questo lieto fine si avvicinasse in modo tanto rapido da lasciare sopresi pure noi. Grazie ad una quindicina di amici provenienti da tutta Italia abbiamo infatti raccolto i fondi necessari per la copertura di questo anno accademico, il penultimo del percorso universitario di Alima. Al punto che siamo pronti per rilanciare la sfida, ovvero raccogliere i fondi anche per la copertura del prossimo anno.

“Siamo davvero felici di poter regalare questa opportunità ad Alima - sottolinea il presidente del Cesvitem Simone Naletto -. Il suo impegno, la sua voglia di riscatto, il suo desiderio di mettersi al servizio degli altri meritano tutto il nostro sostegno. Per questo ringraziamo di cuore tutti coloro che hanno voluto contribuire alla sua borsa di studio: c’è chi ha messo poche decine di euro e chi ha effettuato donazioni più consistenti, ma tutti hanno ugualmente dato segno di grande sensibilità e generosità”. Ora, prosegue Naletto, “puntiamo a coprire definitivamente i costi della carriera universitaria di Alima, per scrivere davvero tutti assieme il finale più bello per la sua storia. Senza dimenticare che, sempre in Mozambico, stiamo aiutando tanti altri studenti universitari. Ragazzi e ragazze estremamente volenterosi, di cui racconteremo le storie nei prossimi mesi: da loro può davvero nascere un futuro migliore per il popolo mozambicano”. 

La stessa Alima, dopo averci comunicato tutta la sua gioia per la possibilità di proseguire gli studi, ha voluto inviare personalmente un messaggio di ringraziamento a tutte le persone che l’hanno sostenuta dall’Italia. “Sono Alima Fábula e con la presente desidero ringraziarla per l’appoggio che mi ha concesso, contribuendo in questo modo ai progressi dei miei studi e della mia formazione. Grazie a questo aiuto davanti a me si aprono le porte di un nuovo orizzonte. Dentro di me nasce un sentimento di umanità e il desiderio di mettermi a disposizione delle persone che necessitano del nostro sostegno, facendo a mia volta per loro ciò che lei ha fatto per me”. Prosegue Alima: “Per questo farò di tutto per renderla orgogliosa: mi impegnerò nei miei studi e cercherò di trovare il modo migliore affinché ciò che imparerò sia utile al mio popolo. Senza indugi le invio i miei migliori saluti e prego affinché la benedizione di Allah scenda su di lei e sulla sua famiglia”.

Chi volesse aiutare Alima può versare un contributo sui conti correnti intestati al Cesvitem (gli estremi nel link nel box Approfondimenti), indicando nella causale “La favola di Alima”.

Notizia del 20/06/2014


Ultime notizie