Ultime notizie

Lampedusa, chiediamo tutti perdono

Lampedusa, chiediamo tutti perdono

Babera (Cipsi): "Chiediamo perdono a tutti coloro che hanno perso la vita nel mare di Lampedusa: per la nostra indifferenza, per una cooperazione che non sa rispondere ai diritti delle persone, per i politici incapaci di fare una vera politica".

Chiediamo perdono a Rashid, Mohamed, Omar, Moustapha, Angel, Amy… a tutti coloro hanno perso ieri la loro vita nel mare di Lampedusa e che sono già sepolti, da giorni, mesi, anni, nell’immenso cimitero blu del Mediterraneo, semplicemente perché erano in cerca dei loro diritti”. Con queste parole Guido Barbera interviene sulla vergognosa ed orrenda tragedia di Lampedusa a nome delle 38 associazioni Cipsi.

Chiediamo perdono - continua Barbera - per la nostra indifferenza politica di cittadini. Per non aver alzato la nostra voce per evitare e bloccare tutti coloro che, per potere, interessi o altro, hanno permesso alla violenza e alla guerra di sconvolgere la vita di popoli interi. Per permettere ancora oggi che il commercio delle armi, come quello delle materie prime, possa alimentare guerre fratricide senza fine. Chiediamo perdono per una cooperazione che non sa rispondere ai diritti dei popoli e delle persone. Chiediamo perdono perché non abbiamo saputo eleggere politici in grado di fare vera politica, non quella dei teatrini di fiducia e sfiducia, ma quella dei diritti e del bene comune, quella che riguarda i problemi reali delle persone, di tutte le persone, a partire dal loro diritto alla vita”.

“Oggi, non basta sospendere qualche programma televisivo di intrattenimento o annullare una conferenza stampa. È il momento di un profondo esame di coscienza di ognuno di noi, cittadino e politico. È il momento di reagire nel silenzio per chiedere “perdono” e con i fatti per cambiare comportamenti, regole, leggi. Come cittadini. Come Italia. Come Europa. Come comunità internazionale. Tutti siamo chiamati in causa”.

“Basta con le polemiche, le divisioni e gli interessi - conclude Barbera -. Ripartiamo dal silenzio per ricostruire. Per questo invitiamo tutti a trovarci il 2 novembre, giorno dei defunti, per un giorno di silenzio e preghiera sul grande cimitero che è il Mediterraneo, in riva al mare a Lampedusa”.

Notizia del 03/10/2013


Ultime notizie