Ultime notizie

Il Presidente Fini sottoscrive la Campagna Noppaw

Il Presidente della Camera si impegnerą a promuovere l'appello promosso da Cipsi e Chiama l'Afrca per l'assegnazione del Nobel per la Pace 2011 alle donne africane

Il presidente della Camera Gianfranco Fini ha sottoscritto l’appello per l’assegnazione del Nobel per la Pace 2011 alle donne africane, promosso dal Cipsi e dalle associazioni ad esso aderenti (tra cui il Cesvitem) e da Chiama l’Africa. La firma è avvenuta al termine di un incontro con una delegazione della Campagna Noppaw (Nobel Peace Price for African Women), guidata dal presidente del Cipsi Guido Barbera.

L’onorevole Fini, nel sottoscrivere l’appello, si è impegnato a sostenere e promuovere la campagna nelle sedi istituzionali italiane, europee e internazionali, sottolineando in particolar modo l’importanza del ruolo che le donne rivestono nella società africana. Il presidente della Camera si è così espresso in piena in sintonia con lo spirito di Noppaw, che nasce proprio dalla constatazione del ruolo crescente che le donne africane ricoprono nella vita quotidiana: le donne sono la spina dorsale che sorregge l’intero continente in tutti i settori della vita, dalla cura della casa e dell’infanzia, all’economia, alla politica, all’arte, alla cultura, alla difesa dei diritti e dei beni comuni.

“La disponibilità del presidente Fini - ha commentato Guido Barbera - rientra in una crescente serie di riscontri e di adesioni che stiamo ricevendo da diversi ambiti, politico-istituzionale ma anche imprenditoriale, sociale, culturale e sportivo. Nei prossimi giorni l’appello del Noppaw verrà firmato anche da altre personalità e sono previste diverse iniziative di sensibilizzazione ed informazione”.

La campagna, lanciata ufficialmente lo scorso novembre in occasione del Convegno internazionale “Gli Enti Locali con e per l’Africa” tenutosi ad Ancona, prende le mosse dalla convinzione che le donne africane, nel loro insieme, meritino un premio collettivo che riconosca il loro valore di madri, mogli e lavoratrici infaticabili, sulle cui spalle gravano il peso e le responsabilità del vivere quotidiano. Ogni giorno la terra d'Africa è calpestata da migliaia di piedi di donne che vanno a rifornirsi di acqua per la loro famiglia, facendo anche decine di chilometri, o che vanno al mercato per riuscire a riprodurre il miracolo della sopravvivenza quotidiana in situazioni economiche spesso proibitive. Se oggi l’Africa può continuare a sperare in un futuro di giustizia e benessere condiviso, lo deve a milioni di donne comuni, quelle che vivono nei villaggi o nelle grandi città, spesso in situazioni di emergenza e di estremo disagio socio-economico, che si organizzano per lottare per la pace e mantenere la vita anche nelle situazioni più tragiche, in un impegno politico e sociale capillare e non riconosciuto.

Per aderire alla campagna č possibile firmare la petizione on line, oppure scaricare e stampare il modulo per la raccolta firme, raccogliere le adesioni di amici e parenti e spedire il tutto alla segreteria di Noppaw, in via Colossi 53, 00146 Roma. Per maggiori informazioni consultare i link nel box Approfondimenti.

Notizia del 18/02/2010


Ultime notizie