Ultime notizie

Non abbiamo bisogno di ronde

Barbera (Cipsi): "Lanciamo un appello ai sindaci italiani per dire no alle ronde e alla criminalizzazione dei migranti e per promuovere l’integrazione, il dialogo, il rispetto delle diversità"

Uno Stato che riconosce la giustizia fai da te e affida il controllo del territorio ai privati dichiara, nel modo più plateale ed esplicito, il proprio fallimento. Uno Stato che non sia in grado di assicurare il controllo sul proprio territorio non può definirsi uno Stato sovrano”. Questo il giudizio del presidente del Cipsi Guido Barbera sull’entrata in vigore del decreto attuativo per la regolamentazione delle ronde cittadine e del reato di clandestinità. Nel testo della legge 194/2009 le ronde vengono definite “associazioni tra cittadini non armati”: una denominazione che non nasconde la vera natura di questo provvedimento, una vera e propria delega ai privati cittadini di compiti che sono propri delle forze dell’ordine e che ha come unico effetto quello di alimentare un clima di diffidenza, paura e insicurezza. “Per questo - sottolinea Barbera . chiediamo con forza a tutti i Comuni italiani, ai sindaci e ai cittadini di dire no alle ronde. Lanciamo un appello alle istituzioni locali affinché vengano promosse iniziative per aumentare il senso civico dei cittadini e momenti di formazione, approfondimento e responsabilizzazione per una migliore conoscenza dei valori di solidarietà, uguaglianza e giustizia sociale veicolati dalla nostra Costituzione. Chiediamo che alla politica delle ronde si sostituisca la politica dell’integrazione, del dialogo, del rispetto delle diversità”.

“Ci opponiamo fortemente - continua Barbera - alle politiche migratorie del governo e rifiutiamo la criminalizzazione dei migranti conseguente all’introduzione del reato di clandestinità. I problemi dei migranti non si risolvono con tali normative, che anzi vanno ad aggravare una situazione già molto complessa. L’istituzione del reato di clandestinità provocherà un aggravamento delle condizioni dei migranti in fuga dal circolo vizioso miseria-abuso-sfruttamento: e questo senza che vengano puniti coloro i quali sfrutteranno situazioni di soggiorno irregolare. Noi vogliamo un’altra sicurezza, fatta di diritti, non di paura, odio razziale e criminalizzazione. Vogliamo ritornare ad abitare le nostre città e i nostri territori, le strade e le piazze senza indossare casacche gialle o tenere nelle nostre tasche spray al peperoncino. Chiediamo alle istituzioni e ai cittadini di promuovere e costruire una convivenza umana basata sulla reciproca fiducia, sulla bellezza e la ricchezza del dialogo e dell’incontro tra tutti i cittadini del mondo”.

Notizia del 10/08/2009


Ultime notizie