St. Regina secondary school

  • S
  • A
  • a

St. Regina secondary school

Le aule della nuova scuola già costruite

Il progetto

Nairutia è un villaggio della location Mugunda, situato circa 30 km a nord di Nyeri, capoluogo della Central Province. In questa zona, in collaborazione con l’Arcidiocesi di Nyeri e con la parrocchia cattolica di Mugunda, guidata dal missionario italiano don Romano Filippi, il Cesvitem ha già realizzato negli anni scorsi il Mutitu Water Project, un acquedotto rurale in grado di servire circa 15.000 persone residenti nell’area.
A Nairutia l’unica scuola secondaria esistente è un collegio (boarding school), i cui costi di vitto e alloggio sono al di fuori della portata della maggior parte della popolazione locale. Le più vicine scuole secondarie diurne (day school) sono invece difficilmente raggiungibili. Molti ragazzi rinunciano così a proseguire gli studi, mantenendo piuttosto basso il livello medio di scolarizzazione.

Per questi motivi la popolazione locale, riunita attorno alla parrocchia, ha progettato la costruzione di una nuova scuola secondaria mista, intitolata a St. Regina. I lavori sono iniziati ad aprile 2007 su un terreno di 34.000 mq di proprietà dell’Arcidiocesi di Nyeri, ubicato a circa 300 metri dalla strada principale Nyeri-Nyahururu e pertanto facilmente raggiungibile con mezzi pubblici. Una volta terminata,  la struttura comprenderà otto aule da 74 mq ciascuna, servizi igienici, due laboratori (di chimica-fisica e biologia), un’aula computer, una biblioteca con aula-studio, una cucina con refettorio, un blocco amministrativo e un campo da gioco. Il progetto prevede l’attivazione di 2 sezioni di scuola secondaria (che in Kenya prevede quattro anni di studio), per un totale di 320 studenti.

Ad oggi sono già stati costruiti due aule, i servizi igienici, la biblioteca, un laboratorio e la cucina-refettorio. Il 12 febbraio 2008 è stato così possibile accogliere i primi 135 studenti di prima e seconda classe.

La conclusione dei lavori è prevista entro il 2010. Nel frattempo è stato avviato l’iter per la registrazione della scuola presso il Ministero dell’Educazione, che consentirà di beneficiare del contributo governativo sia per il pagamento dei docenti che per la copertura delle tasse a carico degli studenti.