Progetto Esmabama

  • S
  • A
  • a

Progetto Esmabama: contesto

Una delle scuole della rete di Esmabama

Il contesto

Esmabama è un’associazione no profit mozambicana, il cui nome deriva dall’unione delle iniziali di quattro missioni (Estquinha, Mangunde, Barada e Machanga) localizzate nel sud della Provincia di Sofala.

Fondate tra il 1944 e il 1961, le quattro missioni vennero nazionalizzate nel 1976, all’indomani dell’indipendenza del Mozambico dal Portogallo. Ai danni materiali provocati da sedici anni di guerra si sommò il progressivo abbandono da parte del Governo, con il conseguente azzeramento dei risultati raggiunti negli anni precedenti, anche a livello di infrastrutture. Nel 1992, dopo la firma degli accordi di pace, l’Arcidiocesi di Beira avviò il “Programma Esmabama”, allo scopo di riorganizzare scuole e centri sanitari delle quattro missioni, puntando a promuoverne la sostenibilità economica mediante attività  di sviluppo agricolo e zootecnico. Nel 2004, per dare una base istituzionale all’intera iniziativa, venne fondata l’omonima associazione.

Oggi Esmabama coordina un’ampia rete di servizi educativi e sanitari, pienamente integrata nelle rete dei servizi pubblici grazie ad appositi accordi con i ministeri dell’Educazione e della Salute: otto scuole (quattro generali dalla primaria di primo grado alla secondaria di secondo grado e quattro scuole professionali in ambito agrario) e cinque centri sanitari di diversa tipologia. In tutto, tra utenti e operatori, tali attività coinvolgono oltre 95 mila persone.

Il terzo settore d’intervento è quello agro-zootecnico (AGP), i cui proventi, sia in termini di produzione che di reddito ricavato dalla vendita delle eccedenze, è destinato alla sostenibilità dei servizi scolastici e sanitari.


logo AICS
Progetto cofinanziato da
AICS - Agenzia Italiana
per la Cooperazione allo Sviluppo

(AID 010562/CESVITEM/MOZ)
 

Sostengono questo progetto:

logo 8 per mille Tavola ValdeseOtto per mille
della Chiesa Valdese

(Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi)

logo Fondazione Prima Spes