Ultime notizie

5 per mille, moltiplica la solidarietà con il Cesvitem!

Torna anche quest'anno la possibilità di devolvere il 5 per mille dell'Irpef ai progetti Cesvitem. Un gesto semplice e gratuito, che per il Sud del mondo può davvero fare la differenza

Torna anche quest’anno il 5 per mille. Anche per la campagna fiscale 2011 avete la possibilità di devolvere il 5 per mille del vostro Irpef ai progetti Cesvitem. Una forma di solidarietà particolarmente importante, che negli ultimi anni ci ha permesso di portare a termine molte iniziative.

Ultima, in ordine di tempo, la nuova scuola primaria di Carapira, inaugurata lo scorso gennaio all’inizio dell’anno scolastico mozambicano. Un vero e proprio complesso scolastico, con nove aule, uffici, latrine, un pozzo, dove migliaia di bambini potranno non semplicemente studiare, ma anche a costruire, giorno dopo giorno, un futuro migliore per sé stessi, per le loro famiglie, per il loro paese. Una parte significativa di questo progetto è stata finanziata proprio attraverso il 5 per mille, visto che ad esso erano stati destinati 8.900 dei 48.041 euro raccolti in occasione della campagna fiscale del 2007.

Nonostante i ritardi nell’erogazione dei contributi da parte dell’Agenzia delle Entrate (ad oggi siamo ancora in attesa di ricevere i fondi relativi alla campagna fiscale 2009), il 5 per mille resta uno strumento fondamentale per aiutarci a concretizzare il nostro impegno nel Sud del mondo. Il meccanismo, come sicuramente sapete, è semplicissimo. Concedeteci solo un piccolo promemoria: basta indicare il codice fiscale della nostra associazione (900 221 302 73) e apporre la propria firma nello spazio dedicato al 5 per mille (sezione non profit) presente sui modelli per la denuncia dei redditi (CUD/730/UNICO). Aiutare il Sud del mondo a costruire il proprio futuro non è mai stato così facile. Anche perché si tratta di un gesto completamente gratuito: infatti, nel caso il 5 per mille non venga devoluto a nessuna associazione, sarà comunque incamerato dallo Stato sottoforma di imposta.

E allora moltiplicate la solidarietà con Cesvitem. A voi non costa niente. Per il Sud del mondo fa la differenza. Grazie!

Notizia del 22/03/2011


Ultime notizie