Ultime notizie

32 mila euro dal 5 per mille 2006

Comincia a farsi concreta l’ondata di solidarietà del cinque per mille. A inizio ottobre l’Agenzia delle Entrate ha reso nota la ripartizione del fondo relativo al 2006, anno in cui per la prima volta è stata offerta ai contribuenti la possibilità di destinare una quota della propria Irpef a finalità sociali. Al Cesvitem, che ha ricevuto 1.172 firme, spettano 32.045 euro: una cifra significativa, che certamente porterà notevoli benefici alle nostre attività nel Sud del mondo. Non possiamo dunque che ribadire il nostro più sentito grazie a tutti coloro che, attraverso questo strumento, hanno scelto di sostenere il nostro impegno. Al momento, comunque, tale somma non è stata ancora versata, nonostante l’assicurazione da parte dell’Agenzia delle Entrate che i contributi verranno erogati entro la fine dell’anno. Appena i fondi arriveranno, sarà ovviamente nostra cura informarvi sul loro utilizzo.

Importanti novità sono in vista anche per il futuro. Sotto la spinta dei 16 milioni di italiani che nel 2006 si sono avvalsi del cinque per mille e delle campagne di raccolta firme promosse dal settimanale Vita e dal Sole 24 Ore, il Governo sembra aver mantenuto le promesse: anche per il 2008 il cinque per mille sosterrà volontariato e ricerca. Il condizionale è d’obbligo, visto che la norma deve essere approvata con la Finanziaria 2008. Se tutto andrà per il verso giusto, dunque, il cinque per mille, dopo due anni di sperimentazione, diverrà finalmente uno strumento stabile e senza limiti di utilizzo. Una grande vittoria per tutte le realtà del Terzo settore, che negli ultimi mesi ha esercitato su questo tema una costante opera di controllo e pressione sull’operato del Governo: incrociando le dita, dovrebbe essere la volta buona.

Buone notizie arrivano anche dai primi dati della campagna 2007: quest'anno i contribuenti che hanno scelto di devolvere il proprio cinque per mille al Cesvitem sono saliti a 1.327. Grazie!

Notizia del 28/10/2007


Ultime notizie