Ultime notizie

Ultim'ora: terremoto in Perù, nessun danno a Trujillo

Situazione drammatica in Perù dopo la fortissima scossa di terremoto (7,9 gradi Richter) che ha colpito la parte meridionale del Paese alle 18.40 locali (le 0.40 italiane) di mercoledì 15 agosto. L'epicentro è stato individuato in mare, di fronte alla città di Pisco, a circa 150 chilometri a sud-est della capitale Lima. Nessun problema invece a Trujillo, la città del nord in cui il Cesvitem è attivo attraverso la sua sede peruviana, dove non si segnalano danni a persone o cose.

"Qui a Trujillo - riferisce via e-mail il rappresentante del Cesvitem Perù Attilio Sante Salviato - abbiamo avvertito solo un lieve ondulio per almeno un minuto, poi tutto è tornato tranquillo. D'altronde ci troviamo circa 800 chilometri a nord rispetto al punto in cui è stato individuato l'epicentro del sisma. In questo momento le tv parlano di 350 morti accertati e di oltre 1.000 feriti, ma il bilancio è sicuramente destinato a peggiorare, visto che i dati si riferiscono alle città principali, dove sono giunti rapidi i soccorsi e i servizi di informazione, mentre le cittadine della sierra ancora sono isolate".

"L'unica conseguenza di rilievo a Trujillo - prosegue Attilio - è che le scuole, come in tutto il resto del Paese, sono rimaste chiuse. C'è una cosa che però fa riflettere: abbiamo saputo solo stamattina che nella serata di ieri, dopo il terremoto, il Governo aveva lanciato un'allarme tsunami. Il pericolo fortunatamente è rientrato, ma se effettivamente si fosse formata un'onda anomala, la popolazione di Trujillo, che si affaccia sull'Oceano Pacifico, sarebbe stata colta completamente impreparata".

Notizia del 16/08/2007


Ultime notizie